Rca e riparazioni: andare all'officina segnalata non sarà più obbligatorio

Sono cambiate le cose: i clienti non sono più obbligati a rivolgersi alla carrozzeria suggerita dall'assicurazione. Aperta la competizione, vincerà chi riuscirà a fornire i servizi migliori, perchè l'italiano medio preferisce rivolgersi al carrozziere di fiducia. 

10 set 2013 Consigli - Tempo di lettura: min.

riparazioni

A seguito dell’abolizione di alcuni comma del Decreto Liberalizzazioni, da qualche tempo i clienti  non sono più obbligati a rivolgersi alla carrozzeria indicata dall’assicurazione. Tale intervento è stato il risultato di una lunga battaglia intrapresa da Confartigianato contro una norma che se non fosse stata abolita avrebbe notevolmente limitato la scelta del singolo automobilista, ma non solo; il vincolo avrebbe avuto delle ripercussioni importanti anche in riferimento alla libera concorrenza fra le carrozzerie che possono tirare decisamente un sospiro di sollievo.

La domanda che però viene immediatamente lecito farsi è quali saranno i fattori che guideranno i clienti nella scelta di una carrozzeria; a rispondere in parte a questa domanda è la ricerca Stetoscopio, promossa dalla società Marketing Problem Solving che ha rivelato dei dati davvero interessanti:

• Il 45% degli intervistati in caso di rottura dell’auto la porta ad un amico di fiducia.

Tale pratica è diffusa soprattutto al sud

• Il 42% preferisce contattare esclusivamente il carrozziere di fiducia.

Tendenza diffusa soprattutto nel centro Italia.

• Il 24% degli intervistati si rivolge alla carrozzeria indicata dall’assicurazione.

Quindi soltanto un’esigua percentuale di italiani si rivolge alle assicurazioni, rivelando una maggiore propensione a scegliere in maniera autonoma.

Sotto il profilo, invece, dei servizi che vorrebbero trovare nell’offerta delle carrozzerie,i clienti sono unanimi nel sostenere la necessità del servizio a domicilio, richiesta che dovrebbe essere tenuta in maggiore considerazione da parte delle carrozzerie in virtù del business che può sicuramente generare nel campo delle riparazioni.

Con l’abolizione dei comma del decreto sicuramente la concorrenza ne risulterà arricchita, ma sarà altrettanto necessario ripensare alle formule ed i servizi che vengono offerti ai clienti, cercando di differenziarsi con anticipo e con soluzioni che risultino altamente vantaggiose. Altra buona notizia per le carrozzerie come conferma l’Osservatorio Autopromotec, rivela che gli italiani sono orientati a riparare la propria auto piuttosto che comprarne una nuova, fattore che con molta probabilità farà registrare un altissimo fatturato per l’intero comparto già stimato a quasi ben 27 miliardi di euro. Tale dato fa tirare un ulteriore sospiro di sollievo,soprattutto in relazione al -10% registrato lo scorso anno.

Certo è che la maggiore propensione a riparare l’auto è determinata in larga misura anche dalla congiuntura negativa provocata dalla crisi, ci sono però ancora parecchi clienti che allo stesso modo rinunciano ad effettuare la normale manutenzione dell’auto a discapito della propria sicurezza proprio perchè costretti a risparmiare su tutto, un fattore che dovrebbe condurre le carrozzerie a proporre maggiormente servizi alla portata di tutti i portafogli.

0 Mi piace

Lascia un commento

INFORMAZIONE BASICA SULLA PROTEZIONE DEI DATI
Responsabile: Verticales Intercom, S.L.
Finalità:
a) Invio della richiesta al cliente inserzionista.
b) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione dei propri prodotti e servizi.
c) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione di prodotti e servizi di terzi appartenenti a diversi settori di attività, che possono comportare il trasferimento di dati personali a suddetti terzi soggetti.
d) Segmentazione ed elaborazione di profili per scopi pubblicitari e di prospezione commerciale.
e) Gestione dei servizi e delle applicazioni fornite dal Portale per l'Utente.
Legittimità: Consenso dell’interessato.
Destinatari: È prevista la cessione dei dati ai clienti inserzionisti per rispondere alla sua richiesta di informazioni sui servizi annunciati.
Diritti: Ha il diritto di accedere, rettificare e sopprimere i dati o di opporsi al trattamento degli stessi o di uno qualsiasi degli scopi, così come accade con gli altri diritti, come spiegato nelle informazioni aggiuntive.
Informazione addizionale: Può consultare l’informazione addizionale e dettagliata sulla Protezione dei Dati su guidariparazioni.it/proteccion_datos

Articoli correlati